Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Per Anno Per Mese Per Settimana Oggi Cerca Salta al mese

  Scarica il file iCal

 

Category Image

 Seehorn da Gabì (CH)

Inizio: Giovedì, 24 Agosto 2017

Fine: Giovedì, 24 Agosto 2017

 

 


 

30a GITA – Giovedì 24 agosto

Seehorn da Gabì (CH)

Ritrovo: Piazzale Stadio ore  6.00; partenza ore 6.15;

Fermata: Cimitero di Azzate ore 6.30.

Mezzo di trasporto: Pullman.

Difficoltà: E

Tipo di escursione: Andata e ritorno. 

Dislivello: Salita e discesa 1210 m.

Tempo di percorrenza: ore 6.30.

Equipaggiamento: Di media montagna, scarponi, consigliati i bastoncini.

Accompagnatori: Barisciano Stefano – Zambon Bellarmino.

Quota: Soci € 16.00; non Soci € 24.00.

Fonti di acqua sul percorso: NO

N.B. Necessita un documento valido per l’espatrio.

Note: Escursione tecnicamente facile ma impegnativa per il dislivello; si svolge in ambiente non molto frequentato e sale alla vetta del Seehorn dal suo versante occidentale. Offre bellissimi panorami sia dalla cima che dal resto dell’itinerario. La salita è sempre su sentiero ben segnalato con vernice bianco rossa e ometti fino alla cima.

Percorso Stradale: Varese – Azzate – Autostrada A26 fino a Domodossola ­  SS33 del Sempione –  Valico di Gondo – Gabì.

Descrizione itinerario escursione: L’escursione ha inizio da Gabì (m. 1230), località raggiungibile dalla strada che sale al Passo del Sempione, posta subito dopo le bellissime gole di Gondo. Dal parcheggio situato dietro l’hotel Gabì si imbocca la stradina che scende al torrente Laggina per poi valicarlo su un ponte. Superato il torrente è necessario seguire la mulattiera in direzione sud per poi abbandonarla  e proseguire a sinistra sul sentiero che sale ripido nel bosco. Si passano in sequenza un alpeggio ed una caratteristica cappelletta  per poi giungere ad un evidente traliccio dell’alta tensione e si supera un torrente su un piccolo ponte di legno; già dal ponte è possibile vedere, volgendo lo sguardo verso l’alto a sinistra, la cima della nostra meta. Ora si sale con una pendenza più dolce seguendo il tracciato della linea elettrica sino ad incontrare la strada asfaltata che sale da Gondo in località Furguu (m. 1872). Si attraversa la strada  e poco più a sinistra parte un sentiero indicato con la scritta Seehorn e con il segnale in vernice bianco rossa  che indica la direzione da seguire. Si sale ora su  un sentiero che, con numerosi tornanti, si alza rapidamente tra la bassa vegetazione e sbuca su una conca erbosa dove si trova un piccolo laghetto (m. 2026) dal quale lo sguardo spazia dal monte Leone alla  nostra cima. Il sentiero prosegue attraversando una piccola pietraia continuando a spostarsi verso destra fino ai piedi del ripido pendio finale che si attacca tra pascoli magri e pietraie. Dopo secche svolte si giunge rapidamente sotto la vetta e si arriva ad una specie di anticima. A questo punto si hanno davanti le  grandi antenne e la piattaforma metallica  e fatti pochi metri in diagonale si raggiunge da ovest la vetta panoramica sormontata anche da alti ometti di pietra.

N.B. Visto il forte dislivello, per chi pensa di NON ARRIVARE sulla cima, è prevista una lunga sosta pranzo nei pressi del laghetto fino al ricongiungimento con chi invece ha deciso di salire.

 

Seniores