Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Per Anno Per Mese Per Settimana Oggi Cerca Salta al mese

  Scarica il file iCal

 

Category Image

 38° GITA – Giovedì 19 ottobre Via del Pane (Valle Anzasca)

Inizio: Giovedì, 19 Ottobre 2017, 0:00

Fine: Giovedì, 19 Ottobre 2017,

 

 


 

38° GITA – Giovedì 19 ottobre

Via del Pane (Valle Anzasca)

Ritrovo: Stadio ore 6.15; partenza ore 6.30.

Fermate: Cimitero Azzate ore 6.45.

Mezzo di trasporto: Pullman.

Difficoltà: E.

Dislivello: salita m. 700 - discesa m. 520.

Altitudine max: m. 943.

Tempo di percorrenza: totale ore 6 di cui 4 in salita e 2 in discesa (escluso le soste).

Tipologia: Traversata.

Equipaggiamento: di media montagna, scarponi, consigliati i bastoncini.

N.B.:  si trova acqua in tutte le frazioni ed alpeggi che incontreremo.

Accompagnatori: Morandi Francesco – Rossi Sergio.

Quote: Soci € 16.00; non Soci € 24.00.

Percorso stradale: Varese – Azzate – Vergiate – A26 per Gravellona Toce – poi S.S. per Sempione – Uscita di Piedimulera – Piedimulera parcheggio Stazione FF.SS.

Nota: Il percorso della “Via del Pane” (del quale percorreremo buona parte) è stato pensato per far visitare i forni comunitari che venivano costruiti negli alpeggi che costellano la montagna.

Descrizione itinerario: Si parte dalla Stazione FF.SS. di Piedimulera (m. 243) e, attraversando il centro storico, passeremo sotto un’antica torre per prendere la “stra granda”, antica mulattiera che portava a Macugnaga.

Affrontiamo la prima salita della giornata che ci porta alla frazione di Cimamulera ove potremo godere di un primo punto panoramico passando dal poggio ove è posizionata una bianca chiesetta accanto ad un sacrario.  Si torna alla frazione passando accanto al forno comunitario per la cottura del pane.  Si riprende la “stra granda”, con un percorso che in qualche tratto è stato sostituito da strada asfaltata, e, dopo la breve visita ad un vecchio torchio, si raggiungono le altre frazioni (quasi tutte dotate del forno comunitario per il pane): Miggianella, Borca, Selvavecchia e Villasco ove passeremo accanto al vecchio mulino.

Qui affronteremo la salita più impegnativa dell’escursione che ci porta a Drocala (m. 943) piccolo e grazioso alpeggio ove ci fermeremo per il pranzo al sacco accanto alla chiesetta e ad un lavatoio ricco di acqua fresca.

La prima parte della discesa fino alla frazione di Olino si presenta un po’ impegnativa, poi il percorso, che attraversa in alcuni punti una strada asfaltata con traffico limitato ai residenti, diventa  più facile fino ad arrivare alla frazione di Porcareccia. Da Porcareccia con un comodo sentiero si raggiunge la frazione Mulini (m. 423) dove ci attende l’autobus per il rientro a casa.

 

Seniores