Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Per Anno Per Mese Per Settimana Oggi Cerca Salta al mese

  Scarica il file iCal

 

Category Image

 Dagnente – Montrinasco (NO)

Giovedì, 07 Marzo 2019, 0:00

 

 

 


 

ANNULLATA

 

5a GITA -  Giovedì 7 marzo

Dagnente – Montrinasco (NO)

Ritrovo: Cimitero Azzate ore 7.15; partenza ore 7.30.

Mezzo di trasporto: auto proprie.

Difficoltà: E.

Tipologia: Anello.

Tempo di percorrenza: ore 5.30 complessive.

Dislivello: 390 m.

Equipaggiamento: di media montagna, scarponi, raccomandati i bastoncini.

Accompagnatori: Plebs Alfonso e Moretti Giuseppe.

Quota: Soci € 8.00, non Soci € 17.00.

Percorso Stradale: Azzate - Vergiate - Autostrada A26 uscire a Meina, prendere la SP 110 in direzione di Meina/Ghevio, alla rotonda prendere a destra lungo la SP34 e, giunti a Ghevio, svoltare a destra in Via per Meina e proseguire lungo la SP 35 che si percorre per circa 3,5 km prima di pervenire a Dagnente dove si lascia l’auto nel parcheggio sottostante la chiesa.

Note: Dagnente, piccolo paese collinare sulle alture di Arona collocato sulle ultime colline meridionali del Vergante, noto alle cronache per aver annoverato tra i suoi frequentatori illustri personaggi di prestigio che hanno fatto la storia del nostro paese nei campi dello spettacolo, delle arti e della cultura e che hanno trovato sepoltura nel piccolo cimitero. Nel camposanto, salito alla ribalta delle cronache dei giornali per la sparizione della salma di Mike Bongiorno, si erge il monumento a Felice Cavallotti (1842-1898), avvocato milanese, poeta e giornalista che volle essere sepolto presso la casa di Dagnente da lui considerata la sua vera patria. Proprio nelle vicinanze del cimitero sorge la Chiesa di San Giovanni Battista, le cui origini risalgono al XII secolo. L’abitato del piccolo borgo si è sviluppato intorno alla chiesa, caratterizza dal proprio sagrato e dal suo campanile, distaccato dal corpo dell’edificio.

Descrizione itinerario escursione: Ci incamminiamo lungo Via Soardi seguendo le indicazioni del sentiero contrassegnato dal segnavia A8. Pervenuti alla cappella in località Giseu, voltiamo a destra immettendoci su Via ai Boschi e superato il lavatoio  la strada asfaltata termina e si entra in una zona con ampi prati recintati ed in uno di essi, immersa nella natura, notiamo una caratteristica casa con tetto ricoperto da un manto erboso in perfetto stile scandinavo. Continuiamo a camminare nel bosco e perveniamo al termine del tratto boscoso in prossimità del monumento dei Partigiani. Il monumento ricorda l’eccidio del 16 Marzo 1945 in cui nove garibaldini perirono durante un agguato dei nazifascisti, contribuendo con il loro sacrificio a scrivere una triste pagina della storia partigiana sul Vergante. Proseguiamo per un breve tratto sulla strada asfaltata per entrare in Via Gaudenzio Ferrari da cui seguendo leindicazioni del sentiero A5  raggiungiamo la lussureggiante area in cui è collocato lo specchio di acqua sorgiva del laghetto del Picchio posto in località San Eufemia. Superato il laghetto, ci incamminiamo verso la Chiesa di San Eufemia. L’Oratorio, posto sul crocevia di un importante strada mercantile che congiungeva Arona con il Lago d'Orta, venne ricostruito nella metà del '600 sui resti di una precedente cappella, ritorniamo sui nostri passi sino alla deviazione per la Cascina Incocco, antica residenza di campagna di Mons. Falcone, oggi restaurata e trasformata in azienda agricola con annesso agriturismo e B&B. Il complesso è composto dalla casa padronale, dalle stalle e dalla piccola chiesetta sconsacrata della Madonna delle Grazie”. Superata la tenuta, raggiungiamo la sommità della collina e perveniamo a Montrigiasco m.414 e seguendo le indicazioni del sentiero A9 entriamo nel bosco che percorriamo sino a pervenire al “Pala Bico”, l’area attrezzata del gruppo Arcieri Bicocca dove consumeremo il pranzo. Proseguendo nel nostro cammino percorriamo un altro breve tratto nel bosco e sbuchiamo sulla strada asfaltata ed in breve facciamo ritorno Dagnente raggiungendo il punto di partenza.

 

Seniores