Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Per Anno Per Mese Per Settimana Oggi Cerca Salta al mese

  Scarica il file iCal

 

Category Image

 Giro della Bassa Valgrande - Cicogna - Escursione TAM

Domenica, 14 Aprile 2019, 7:00

 Luogo  : Bignugno mt.420 - VCO

 

 


 

L'escursione propone un itinerario classico della Valgrande, il giro della bassa valle che percorre, sui due versanti, il primo tratto del Rio Valgrande tra il Ponte Casletto e il Ponte di Velina. Gita di grande interesse ambientale, sia panoramico (l’alta valle dominata dal Pedum; le gole del Rio Valgrande e del Rio Pogallo) che storico (i castagneti; i terrazzamenti; la visita di numerosi “corti”, oggi in gran parte abbandonati, un tempo fondamentali  per l’economia di queste valli).

L’itinerario, pur percorrendo sentieri e strade storiche a bassa quota, non è del tutto banale: attraversa a mezza costa ripidi versanti, presenta tratti un poco esposti e un breve passaggio dopo Velina, danneggiato da una frana, passa in un canalino roccioso attrezzato con catene.
Si parte da Bignugno (m 420), piccolo nucleo di baite collocato a lato della strada Rovegro – Cicogna poco prima di Ponte Casletto. Il sentiero, antica strada lastricata costruita per essere percorsa dal bestiame (“strà di vacch”), attraversa in salita pendii terrazzati. Poco dopo si raggiungono le baite di Pezza Blena (m 593) e quindi, su un poggio che separa la bassa valle dal coso superiore del Rio Valgrande , la cappelletta di Or vergugn (m 652); “or” significa “orlo”: siamo infatti sul crinale oltre il quale si entra nella valle.

Dalla cappella si risale il ripido costolone che permette di guadagnare rapidamente quota; arrivati su un pianoro si piega a destra attraversando a mezza costa il versante destro orografico della valle; si raggiunge prima Bettina e poi Scellina di sopra (m 780), ai margini dei ripidi pascoli oggi in gran parte colonizzati dalla Betulla; erano maggenghi, ovvero pascoli temporanei utilizzati in primavera e in autunno sul cammino degli alpeggi. Bello il colpo d’occhio sulla parte alta della valle e verso la Val Pogallo, dominata dallo Zeda.

Si prosegue sempre a mezza costa; raggiunto il bivio per Basseno (poco più in alto a sinistra) si piega a destra; si supera un altro bivio (sentiero per Corte Bué) e, in rapida discesa, si raggiunge il Ponte di Velina (m 470), ultimo avamposto della civiltà di fronte al tratto più selvaggio e impervio della valle, posato sulle strette forre scavate dal Rio Valgrande.

Superato il ponte, si risale il ripido versante opposto; un tratto particolarmente faticoso porta a Velina di sotto (m 660), il più basso dei tre nuclei che, insieme, formavano il grande corte maggengale di Velina.

Il sentiero prosegue a saliscendi e supera diverse vallette laterali; segue un passaggio delicato su roccia e un ripido tratto con catene con cui si supera un canalino (il sentiero originario è franato). Si prosegue toccando numerosi nuclei di baite abbandonate, seminascoste nel bosco.  Belle vedute sulla valle sottostante e sui Corni di Nibbio, che separano la Val Grande dalla Val d’Ossola.

Si raggiunge infine il piazzale dove termina la sterrata proveniente da Cicogna, attraverso la quale si raggiunge in breve il paese (m 732). Poco prima del Cimitero, si imbocca la vecchia mulattiera che,velocemente, fa perdere oltre 300 m di quota fino al Ponte Casletto (m 411), vecchio e nuovo. Il passaggio a piedi permette di ammirare le sottostanti gole.

Percorrendo infine un tratto di strada asfaltata, e attraversata la galleria, si ritorna in breve al punto di partenza.

  • Ritrovo e partenza ore: piazzale a lato via Foresio ore 7,00
  • Viaggio: con auto proprie
  • Quote partecipazione: soci € 15, non soci € 24
  • Difficoltà: E/EE  (tratti leggermente esposti; un passaggio con catene)
  • Dislivello: Sal/Disc.mt. 800 m (giro ad anello)
  • Tempo di percorrenza: ore 7 complessive
  • Informazioni e iscrizioni presso: Paolo Sonvico
  • Attrezzatura e abbigliamento: da escursionismo di media montagna adatto alla quota e alla stagione

valgrande1

valgrande2

valgrande3

 valgrande4

valgrande5

 

 Contatto : Paolo Sonvico

Escursionismo