Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Per Anno Per Mese Per Settimana Oggi Cerca Salta al mese

  Scarica il file iCal

 

Category Image

 14 Escursione - Sentiero Napoleonico (Finale Ligure) (SV)

Giovedì, 07 Maggio 2020, 0:00

 

 

 


 

14a GITA - Giovedì 7 maggio

Sentiero Napoleonico (Finale Ligure) (SV)

Ritrovo: Piazzale Stadio, ore 6,00;  partenza ore 6,15.

Fermate: Cimitero di Azzate ore 6,30.

Mezzi di trasporto: pullman.

Difficoltà: E.

Dislivello: circa 350 m.

Tipo d’escursione: Anello.

Tempo di percorrenza: Totale circa 4 ore.

Equipaggiamento: di media montagna, necessari gli scarponi, consigliati i bastoncini.

Accompagnatori: Plebs Alfonso - Pallaro Sergio.

Quote: Soci € 16,00; non Soci € 25,00.

Note di interesse generale: Lunghezza dell’anello km 10. Tempo di percorrenza: circa 3 ore per l’anello, un’ora in più se ci si ferma a visitare le borgate.

Percorso Stradale: Varese – Azzate – Autostrada A26-E25 – Finalborgo di Finale Ligure (SV) .

Descrizione itinerario escursione: Dall’antica porta di Finalborgo si attraversa il torrente Pora si svolta a sinistra sulla strada provinciale e dopo un centinaio di metri si incontra a destra l’inizio della strada napoleonica, realizzata verso la fine del 18° secolo per permettere il transito delle artiglierie della Grande Armee, in realtà il tracciato è molto più antico ricalcando un vecchio percorso medievale impostato sull’antica via romana Julia Augusta.

Il percorso si svolge su stradine sterrate e sentieri salendo a poco a poco fra la vegetazione che ben si adatta al terreno arido e calcareo, si raggiunge la cappelletta Regina Pacis con bel panorama sulla piana di Finale e le sue spiagge; ci si avvicina ora alla linea di costa per poi prendere quota sorpassando una vecchia cava e raggiungendo un vasto pianoro.

I panorami sulla costa sono via via più ampi e tra la macchia mediterranea si continua verso nord, siamo ora sul versante che guarda verso Borgio Verezzi e sullo sfondo ecco la sagoma dell’isola Gallinara e il promontorio di Capo Santa Croce.

Continuando su un antico fondo selciato si arriva ad un bivio, si svolta a destra raggiungendo la Cava Vecchia uno dei pochi siti di estrazione della pietra di Verezzi coltivati in galleria.

Proseguendo si incontrano altre vecchie cave, il lavoro in esse raggiunse il massimo sviluppo nel 20° secolo quando oltre 100 minatori lavoravano nei diversi siti estrattivi.

Continuando sulla mulattiera selciata che sale nel bosco si raggiunge la cresta sommitale e il sagrato della chiesa di S. Martino (già chiesa benedettina dell’anno mille) e del santuario Maria Regina Mundi.

Di qui o si ritorna a Finalborgo oppure tempo permettendo si compie una deviazione di 1 ora e si visitano le 4 vecchie borgate di Verezzi caratterizzate da costruzioni in pietra rosa e collegate da stretti carrugi.

Le case sono una addossata all’altra da sembrare quasi una sola. La pietra è presente ovunque dalle murature delle case ai porticati, agli archi di collegamento fra gli edifici, ai muri di sostegno dei terrazzamenti degli orti, vigne e uliveti, alla pavimentazione delle mulattiere.

Tornati al bivio di S. Martino attraverso le pinete fra le Rocce di Orera e il monte Caprazoppa si rientra a Finalborgo chiudendo l’anello dell’escursione.

 

Seniores