Calendario eventi

Lo splendore romanico nella pieve di Biasca (Canton Ticino)
Giovedì, 31 Marzo 2022
Visite : 181

ANNULLATA

05a GITA -  31  Marzo   2022

Titolo:   Lo splendore romanico nella pieve di Biasca (Canton Ticino)

I soci saranno ammessi alle escursioni dietro presentazione di AUTOCERTIFICAZIONE CAI (Ed. novembre 2021)  -  Green Pass  -  D.P.I. -     Necessario un documento valido per l’espatrio

Luogo Ritrovo:                          Stadio - Cimitero di Belforte

Orario:                                        Ritrovo: Stadio ore 6,45 partenza ore 7,00 – Belforte 7,15

Mezzo di trasporto:                    Bus

Difficoltà:                                   E

Tipologia:                                 Anello

Altezza massima:                      602 m      

Dislivello:                                  Salita e discesa 440 m.

Equipaggiamento:                       Media montagna , (adeguato per la stagione), scarponi, consigliati i bastoncini

Acqua :                                            NO

Tempo di percorrenza:               Ore 4,00   Lunghezza Km 8,0

Accompagnatori:                       Pallaro Sergio – Plebs Alfonso

Quota:                                        Soci € 17      –                Non soci € 28.

 

L’escursione verrà effettuata con almeno 32 iscritti !

 

Percorso stradale: Varese (Stadio) - Cimitero Belforte - Gaggiolo - Autostrada A2 - Uscita Biasca - Biasca FFS piazzale autopostali.

 

Descrizione itinerario escursione:

Biasca (FFS) - Cascata S. Petronilla - Fracion - Grotti di Biasca * Biasca (FFS), Valle Riviera. Arte e architettura sacra alle prese con una natura inclemente, tra cascate e buzze. La grande chiesa romanica dei Santi Pietro e Paolo marca la sua presenza con il suono delle campane, e avvicinandosi spicca per il suo solido impiantito in pietra viva. L'interno è magistralmente affrescato. Nei pressi si trova la Via Crucis con le cappelle, che costeggiano la via verso la Cascata di Santa Petronilla. Poi si sale, giungendo sul ciglio del riale in secca del Crenone. Qui si ricorda la frana del 1513, l'ostruzione del fondovalle bleniese (dove ora si situa il paesaggio golenale in cui scorre il fiume Brenna) e la conseguente rottura dell'argine naturale, che ha provocato la Buzza di Biasca (1515). Essa è una delle prime catastrofi naturali raffigurate sulle cronache illustrate dell'epoca, che altrimenti presentano con tratti vivaci le gesta dei Confederati. Percorso abbastanza breve, con dislivello contenuto. A tratti un po' stretto, con passaggio sul ponte della cascata Santa Petronilla.

 

       

 

 

Biasca_Chiesa_Pietro_Paolo_01.

 

Iscriviti alle newsletters

Contatti

Via Speri della Chiesa, 12  - Varese (VA)  
Tel/Fax: 0332289267
E-mail: caivarese@caivarese.it